Come purificare l’intestino con il riso

L’intestino è un organo importante  del sistema digestivo in quanto aiuta ad assimilare il cibo ingerito nell’organismo.  Considerato anche secondo cervello per l’esistenza di una fitta rete nervosa  al suo interno. Può essere colpito da diversi disturbi come irritabilità  che causa diarrea o stitichezza e altera la flora batterica al suo interno. Una cattiva alimentazione, stress tra le cause maggiori dell’intestino irritabile può essere curata con alimenti naturali come il riso.

Riso: caratteristiche, varietà e utilizzi

Fa parte della famiglia delle graminacee il famoso cereale ideale per purificare l’intestino e l’intero organismo. Il riso è l’alimento più antico usato dall’uomo fin dall’antichità e le tracce storiche lo fanno risalire a 5.000 anni fa. Sebbene nasca in Asia dove è considerato l’ingrediente pricipale dell’alimentazione locale cresce nelle risaie di tutto il mondo. La sua alta digeribilità unita alla proprietà di equilibrare la flora batterica rendono il riso il cereale più importante nella preparazione di piatti sani e salutari.

Ricco di carboidrati e povero di grassi,  il contenuto calorico per 100grammi di riso è pari a 332 calorie. Riso bianco, nero, rosso, integrale, basmati: esistono in commercio molte tipologie di riso con forme e dimensioni di chicco differenti e diverse fraganze. Solo le varietà di riso elencate sotto aiutano nello specifico a migliorare la  funzionalità dell’intestino.

Varietà di riso

Riso bianco

E’ sicuramente il più popolare e amato  nel panorama gastronomico mondiale . Con il suo gusto unico e inimitabile offre grandi benefici all’intestino. Normalizza la flora batterica regalando all’organismo vitamina B, utile per il metabolismo alimentare e l’amido che combatte diversi problemi intestinali infiammatori come l’ulcera.

Riso basmati

La caratteristica del riso basmati  è un chicco finissimo e lungo, che aumenta di misura a seguito della  cottura . È rinomato per la sua fragranza intensa e speziata: spesso accompagnato con verdure e secondi piatti può essere mangiato fumante o freddo. Regolarizza le funzioni intestinale donando un sollievo dalle irritazioni e la presenza degli aminoacidi aiuta ad eliminare le tossine dall’organismo.

Riso integrale

Il riso integrale  contiene un tasso di glicemia più baso di a quello raffinato e viene inserito  inserito nelle diete alimentari perchè crea una maggiore sensazione di sazietà maggiore. Il riso integrale si differenzia dal riso raffinato per la durata di cottura più lunga al riso raffinato ma è molto salutare per l’intestino e lo stomaco per l’alta digeribilità.

Utilizzi in cucina

Da oltre un secolo il riso viene utilizzato per curare gli ammalati, in particolare l’acqua  usata per la cottura del riso perchè ricca di amido. Pasto depurativo e rinfrescante stimola l’evacuazione dell’intestino e lo smaltimento delle scorie presenti nell’organismo. Migliora la digestione e promuove la diuresi eliminando il senso di torpore e stanchezza dopo i pasti.  Non ha nessuna controindicazione ed  è consigliato ai celiaci per la totale assenza di glutine. Numerose le ricette a base di riso adoperate in cucina. Accompagnato a verdure, carne, insalate si presta ad esperimenti e nuove invenzioni soddisfando i palati di grandi e bambini.