Come prevenire le vene varicose

Esistono persone con più attitudine  ad avere le vene varicose in confrontro ad altre. Conoscere le modalità di prevenzione basilare aiuta a capire i fattori che  favoriscono lo sviluppo delle vene varicose e può indirizzare le abitudini personali verso uno stile di vita più salutare. Chi appartiene  alle classi maggiormente  a rischio, deve essere seguito da un angiologo che consiglierà come prevenire il problema.

Conoscere gli elementi di rischio

  • Sesso–  Ad essere maggiormente afflitte dalle vene varicose è il sesso femminile, per colpa degli ormoni che subiscono cambiamenti negli anni modificando il corpo femminile  come il fenomeno della menopausa, ciclo mestruale e gestazione.
  • Fattore ereditario – Se all’interno del nucleo familiare qualcuno  soffre già  di  vene varicose, aumenta  statiticamente la predisposizione a sviluppare il problema.  Significa nascere con un sistema venoso più fragile ed essere più frequentemente a rischio d’insufficienza venosa.
  • Invecchiamento-  L’età è un elemento importante nello sviluppo delle vene varicose. La perdita delle funzionalità vitali con l’avanzare dell’età infatti riduce l’elasticità dei vasi  e delle valvole. Il sangue ha difficoltà a circolare e ristagna nelle vene degli arti inferiori con la conseguente dilatazione delle vene varicose.
  • SovrapesoL’obesità è un fattore  a rischio determinante nella presenza di vene varicose, la circonferenza di un addome ingrassato comprime la zona pelvica causando il ristagno venoso, le gambe appesantite dalla massa corporea sono affaticate . I chili di troppo aumentano il flusso sanguigno  e le vene stesse sono esposte a maggiore stress che li porta alla dilatazione. E’ altamente consigliata una dieta ipocalorica da abbinare all’ attività sportiva.
  • Sedentarietà– Chi svolge un lavoro che lo costringe a restare in piedi per molte ore del giorno o seduto davanti ad una scrivania in ufficio per un lungo tempo è più predisposto a soffrire di insufficienza venosa. Il sangue trova maggiore impedimento e risalire veso il cuore e accresce la pressione delle vene.

Una sana alimentazione

Da evitare nell’alimentazione quotidiana  alimenti troppo calorici e introdurre cibi ricchi di fibre e cereali. Bere almeno 2 litri di acqua al giorno e abbassare il consumo di sale aiuta  a prevenire la ritenzione idrica e il fastidioso gonfiore delle vene varicose. Ideale una dieta a base di frutta e verdura con alimenti ad alto contenuto di vitamina c dal colore blu violastro che rinforzano le pareti venose: come ad esempio le melanzane, i mirtilli e il cavolo viola.

Smettere di fumare

Il fumo è la causa scatenante di  molte malattie e uno stato fisico precario. Analisi di laboratorio  hanno scoperto che la pressione alta, abbinata  al tabagismo causa l’insufficienza venosa. Impedendo al sangue di scorrere correttamente nel sistema circolatorio  il fumo causa la ritenzione idrica e gonfiori alle gambe.

Sollevare le gambe

Mantenere sollevate le gambe con l’aiuto di un cuscino  aiuta a scongiurare  la presenza delle vene varicose. Migliorare la circolazione sanguigna ed il ritorno del flusso verso il cuore è semplice: basta usare alcune accortezze al lavoro, restando a lungo in punta di piedi seduti sulla sedia o appoggiando le gambe su un apposito gradino sotto la scrivania. Durante il sonno  posizionare sotto il materasso più coperte affinchè i  piedi assumino maggiore altezza rispetto al resto del corpo.

.