Smettere di fumare per migliorare la pelle

Con gennaio arriva il momento dei propopositi per l’anno nuovo: meno stress, dieta, sport, insomma uno stile di vita sano che ovviamente esclude il tanto amato pacchetto di sigarette. Chi decide di smettere di fumare in genere lo fa con l’inizio dell’anno nuovo.

Togliere il fumo per migliorare la propria bellezza

Ma come si fa a smettere di fumare? Potremmo provare con il cerotto, con l’agopuntura, chiedendo aiuto ad un centro specializzato o semplicemente con un libro. A tale proposito, vi segnalo un testo molto interessante e ben fatto: è facile smettere di fumare se sai come farlo.

Ma sarà poi veramente così facile smettere di fumare? Oppure rischiamo di ricascarci dopo qualche mese, se non dopo pochi giorni, con conseguente frustrazione e autoflagellazione. La chiave per una buona riuscita di quella che potrebbe apparire una mission impossibile sta nel trovare uno stimolo, una motivazione valida per dire basta e buttare definitivamente il pacchetto di sigarette.

Le motivazioni per cui smettere di fumare per la salute

Vediamo insieme quali possono essere le motivazioni che possono far migliorare la salute aiutando a smettere di fumare:

  • Una buona base di partenza può essere la maternità. Sono molte le donne, infatti, che smettono di fumare in gravidanza ma di queste, tante riprendono dopo lo svezzamento. Basterebbe pensare alla salute del nostro bambino a cui il fumo passivo – anche quello che si deposita sui vestiti, certo! – provoca disturbi anche seri alle vie respiratorie.
  • Che le sigarette facciano male alla pelle è noto ed è sufficiente prima di coricarci, passare un batuffolo di cotone sul viso per accorgerci che il fumo forma una patina densa e che quindi si deposita nei pori facilitando la formazione di punti neri. Osservando meglio ci accorgeremo di avere un colorito non proprio roseo, bensì grigio, opaco e non c’è scrub che tenga! Per la nostra bellezza, potremmo fare uno sforzo in più…
  • “E se ingrasso?” Questo è un po’ il leitmotiv o meglio la scusante per molte fumatrici. Basterebbe mangiucchiare al posto di snack calorici, una carota cruda, del sedano, una mela… E poi potremmo sempre investire i soldi risparmiati nei numerosi pacchetti di sigarette, in un corso di Pilates, di yoga o perché no, di ballo. Chi si dedica anima e corpo a una pratica sportiva, è raro ricominci a fumare, avendo constatato i benefici sia fisici che psicologici e quanto sia più facile salire le scale senza arrancare anche quando l’ascensore è guasto!
  • Una bocca da baciare… Meglio baciare una bocca che sa di violetta, che una che sa di tabacco!

Una volta identificata la motivazione e intrapreso il percorso a ostacoli verso la non dipendenza da nicotina, attente ai comportamenti a rischio come la sigaretta dopo il caffè… Molte persone, infatti, ricominciano a fumare a causa delle pause caffè in ufficio perché caffè tira sigaretta: è un circolo vizioso! Proviamo a sostituire il caffè con il tè verde che è ricco di antiossidanti ed è quindi adatto per chi è ai primi giorni di astinenza da nicotina. Evitiamo, almeno per qualche settimana, di uscire con fumatori o perlomeno pretendiamo che rispettino la nostra scelta – già alquanto difficoltosa! – evitando di fumare in nostra presenza.

Spero di esservi stata utile e… in bocca al lupo e mai più in balia del vizio del fumo!